In macchina

 
Avete fatto caso che in macchina si fanno un sacco di cose? Teoricamente uno non potrebbe, perchè sta guidando, pensa a quello che deve fare, a dove deve passare per andare dove deve andare, smanetta con la radio, manda mentalmente (più o meno) a quel paese quel cretino che non ha messo la freccia, fuma se fuma, pensa alle mille cose che deve fare, si sistema i capelli, c’è anche chi si rifa il trucco, chi parla al telefono o manda sms, c’è persino chi legge fumetti.
Ecco appunto, un sacco di cose.
Ma in macchina, tra le altre cose, si parla. Se c’è qualcuno con cui farlo, ovviamente. E se non si è troppo impegnati a fare altro.
 
Conversazione in macchina: oggi io e mia sorella abbiamo fatto il giro di parenti nei dintorni a distribuire i regali (ma sappiate che dirci la battuta ovvia, ovvero che abbiamo fatto le befane, non è carino -.- …. Linguaccia)
Di che abbiamo parlato?
Di Babbo Natale. E abbiamo conluso che….esiste.
C’è la prova inconfutabile: mia sorella da piccola ha visto una lucina. La notte di Natale, sulla porta a vetri del corridoio. Sono vetri smerigliati, sapete, si vedono solo ombre e luci, non le cose nitide, si sa. Non si è affacciata solo per paura che se ne andasse, ecco. Ma se non era lui, la luce tremolante da dove veniva?
Quindi era lui.
Allora ho pensato: magari Babbo Natale smette di venire quando si accorge che i bambini di quella casa hanno smesso di crederci.
Certo, c’è sempre l’obiezione: i miei hanno sempre comprato i regali che noi credevamo venire da Babbo Natale, quindi come teoria non regge.
 
Ma la lucina c’era.
 
Allora magari in realtà lui è sempre venuto. Semplicemente non ha mai portato cose tangibili. Non ci ha mai portato Il Piccolo Chimico o la Casa di Barbie o i libri a tonnellate che abbiamo ricevuto. Magari, non era quello il suo compito.
Portava altro. Veniva davvero, noi lo sapevamo, non c’era scusa che teneva.
Portava semplicemente…..altro.
 
 
Mi sa che i grandi hanno sbagliato tutto. Come al solito, i bambini la sanno più lunga.
 
 
 
Questo ci dicevamo, in macchina.
 

Annunci

2 pensieri riguardo “In macchina

  1. mia sorella invece ha concluso che Babbo Natale sono io: l’altr’anno mi sono tinto la barba di bianco e costume annesso mi aggiravo per il quartiere terrorizzando i bambini (non volendo)… magari un giorno, durante la lezione di lirica, ti farò vedere le foto… comunque buon Natale in ritardo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...