Inaspettatamente

In alcune parole che ordinariamente impieghiamo, c’è una molla nascosta che le apre a un tratto fino in fondo e ce le spiega nella loro straordinaria intimità; poi la parola si ripiega, riprende la sua forma banale e scivola insignificante, consumata dall’abitudine e dall’uso. ‘Amore’ è una di queste parole (…)

Alphonse Daudet, Saffo

 

Normalmente non amo, per dirla con un eufemismo, gli scrittori dell’Ottocento francese, in particolare i naturalisti. Il romanzo di Daudet non fa eccezione, tant’è che sono a conoscenza della sua esistenza esclusivamente per un esame di letteratura francese.

Però bisogna riconoscere che ogni tanto, anche solo in una frase, si scoprono parole interessanti. In questo caso lo scrittore è riuscito a esprimere molto meglio di me un concetto di cui ho cercato di parlare in questo post, anche se il tema non era l’amore. Un fenomeno misterioso della lingua, del pensiero, della vita. Piccolo ma misterioso.

Una molla che spiega le parole, ce le apre, prima che queste si ripieghino per tornare nella quotidianità. Notare il profondo, e vero, gioco di parole.

Bello, no?

 

Annunci

3 pensieri riguardo “Inaspettatamente

  1. Io adoro scrivere proprio per questo. Nelle tue mani ti ritrovi ad avere quasi inconsapevolmente un potere enorme.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...