Madre Notte

Dite quel che volete del sublime miracolo di una fede senza dubbi, ma io continuerò a ritenerla una cosa assolutamente spaventosa e vile.

Kurt Vonnegut, Madre Notte.

Questo è l’unico dei miei racconti di cui io conosca la morale. Non è una morale meravigliosa, non credo; si dà soltanto il caso ch’io sappia di quale morale si tratti: noi siamo quel che facciamo finta di essere, sicché dobbiamo stare molto attenti a quel che facciamo finta di essere.

La mia esperienza personale con i traffici e gli imbrogli dei nazisti è stata molto limitata. (…) Dopo un po’ venne la guerra e io mi ci trovai dentro; fui preso prigioniero ed ebbi modo di vedere un po’ di Germania, dall’interno (…) Potei andare in una città, Dresda (…) Si trattava probabilmente di una città “aperta”, che non poteva essere attaccata, visto che non ospitava né centri di raccolta delle truppe, né industrie militari.
Tuttavia la notte del 13 febbraio 1945 (…) alti esplosivi vennero sganciati su Dresda da apparecchi inglesi e americani. Non c’erano obiettivi particolari per le bombe. (…)  Altre bombe furono sganciate per trattenere i pompieri nelle loro tane (…) E in un attimo:  tempesta di fuoco. Tra parentesi, fu il più colossale  massacro di tutta la storia d’Europa. Ah sì, e allora?
(…)
Suppongo che se fossi nato in Germania, sarei stato nazista, e avrei massacrato ebrei, zingari e polacchi, lasciando sporgere i loro stivali dai cumuli di neve, riscaldandomi all’idea della mia segreta virtù. Così è la vita.
C’è un’altra morale, evidente, in fondo a questo racconto, ora che ci penso: quando sei morto, sei morto.
E ancora un’altra me ne viene in mente adesso: fai all’amore quando puoi. Ti fa bene. 
Iowa City, 1966.

Dall’Introduzione dell’autore.

Annunci

4 pensieri riguardo “Madre Notte

  1. Questo post è davvero stupendo, perché stupendi sono i passi che hai citati, per quanto estrapolati da un’opera che immagino complessa. Ti ringrazio di avermi fatto conoscere dell’esistenza di questo grande scrittore che ignoravo totalmente, e di cui sono corso subito a leggiucchiare qualcosa su wikipedia (e cercherò altre informazioni, perché deve essere stata una personalità straordinaria, tra l’altro ho letto che è stato anche pompiere volontario). Credo proprio che Madre Notte sarà la prossima lettura. Ma tu l’hai letto integralmente?

    1. Ciao cavaliere!
      Sì, l’ho letto tutto e ti dirò che, oltre a non essere un tomo, scorre anche abbastanza facilmente. Non è complesso nonostante affronti temi difficili.
      Io ho scoperto (o forse sarebbe meglio dire “sentito nominare”) questo autore grazie all’università, ma questa è la sua prima opera che leggo. Ne ho in mente almeno un altro paio, tra cui “Galapagos” che se non ricordo male dovrebbe far parte di quell’affascinante genere che è la distopia.
      In realtà avrei voluto citare anche altri passi, ma a quel punto veniva fuori un post più lungo del libro! Mi fa piacere che questi siano serviti a incuriosirti, lo scopo è stato raggiunto 😀

  2. Mi sembra imbecille aggiungere qualsiasi altra cosa a queste parole. Neanch’io conoscevo questo autore. Devo trovare il tempo per informarmi meglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...