Inciampare in una pagina

Come mandato da dèi, una volta m’avvinse un incanto

Sopra quel ponte, mentre l’attraversavo,

E di laggiù nello sfondo dei monti

Malioso m’appariva il lontano,

E il giovane fiume fuggiva, ilare e fosco, alla piana

Come il cuore che oppresso dalla sua troppa bellezza

Per trapassare amando

Nei flutti del tempo si scaglia.

 

Friedrich Hölderlin, Heidelberg.

 

(Tutto ciò ha a che fare con Leopardi, sappiatelo.)

Annunci

8 pensieri riguardo “Inciampare in una pagina

  1. Giorgio Vigolo, chi era costui? Pare un poeta, tra l’altro. Sei di una gentilezza unica, ti sei ricordata di vedermi il traduttore, per soddisfare una mia oziosissima curiosità. Fantastica, non c’è altro da dire! :).

    1. Per così poco? Ma figurati!
      Una delle prime cose che si imparano studiando lettere (o forse studiando in generale all’università, non saprei) è accertarsi di chi ha detto cosa, quindi nessuna fatica. E poi mi aveva colpito il fatto che nell’articolo la traduzione di questo Vigolo era definita in termini elogiativi, quindi doveva essere uno bravo – possibilissimo che sia poeta lui stesso.
      In conclusione, curiosità tutt’altro che oziosa, e io non ho fatto altro che annotare un nome 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...