Le voci mentali e altre idiozie: un post di cui si poteva fare a meno

Sento un allegrotto e inaspettato bisogno di comunicare qualcosa e di scrivere qualcosa, preferibilmente che sia allegrotto. Voglio proprio che le facezie vengano a me. Passare al lato cretino della Forza. Non che sia difficile.

Ho passato tutto il pomeriggio a elencare, fotocopiare, stampare, fare controlli incrociati, compilare robaccia cartacea e telematica per la laurea. Ho affrontato, cioè, una delle mie più grandi paure: la burocrazia. Quando pensavo a questi mesi (cioè prima che fosse questo periodo io pensavo a questo periodo, intendo che mi immaginavo a qualche mese dalla laurea, voglio dire immaginavo me stessa, sapendo quel che dovevo fare, ipotizzando come sarei stata messa in quanto a studio e tutto il resto, al lavoro da organizzare, insomma, chiaro no?) avevo paura. Non della tesi, non degli esami che mi mancavano (beh sì, anche quelli, ma meno, meno) ma della burocrazia. Di tutti i documenti da raccogliere, compilare, controllare, fare duplice e triplice copia, consegnare entro date stabilite. Io queste cose le odio. Però oggi pomeriggio sono stata lì e le ho organizzate. Pensavo di metterci un paio d’ore e invece c’ho messo la mia bella mezza giornata, ovviamente.

Ora ho la faccia di un’invasata e la cosa non mi sorprende. Però per la verità dovrei stare peggio, mi meraviglio e mi congratulo, non ho neanche il mal di testa. Ohibò.

Poi stavo pensando che dopodomani vado a Roma, di bel nuovo nuovamente (non so perché parlo sempre di quel che devo fare e di dove devo andare, sarà la mia tendenza a progettare per non dimenticarmi le cose e dato che progetto poi penso a quello che ho progettato e allora me lo ripeto e finisce pure che lo scrivo, soprattutto quando non so che cosa dire ma ho un’irresistibile voglia di dirla). A Roma devo (appunto): andare in bilioteca 1, andare in biblioteca 2, parlare con la tutor, parlare con il relatore, prendere dei libri in prestito, restituirne altri, comprare delle dispense, portare il regalo di Natale a M.F. (sarà ora?), lamentarmi, studiare, alternare attimi di panico a momenti di superomismo, affacciarmi alle porte dei negozi di abbigliamento e fuggire quando ci vedo dentro più di tre persone inclusa la commessa. Lamentarmi, anche. Il tutto in due giorni e mezzo.

Ultimamente ho deciso che la mia ricerca bibliografica per la tesi è pressoché finita. Probabilmente non è vero, ma il punto è che mi sono ampiamente rotta le palle un po’ stufata e quindi smetto. Dite che è sufficiente come motivazione? M.F. pensa che sia abbastanza valida, se non altro perché sullo Zibaldone del caro Giacomo si può andare avanti per anni, e io invece mi vorrei laureare prima di raggiungere l’età del mio relatore. Le amiche che mi assecondano io le amo, ma sono pericolose. Anche perché c’è una vocina nella mia testa che ha qualcosa da ridire riguardo a questa argomentazione, qualcosa del tipo “sì vabbè, ma tu hai un argomento circoscritto da trattare, non è una tesi su tutto quel che c’è da dire sullo zibaldone, sarebbe da pazzi, tu parli di poche precise cose, ma su quelle devi essere preparatissima, devi sapere tutto, e avere tutto il materiale reperibile o quasi, e soprattutto che cazzo significa che ti sei stufata? sii seria, non hai quattro anni, e poi voglio vedere la figura di merda che fai col relatore” (mi scuso per il turpiloquio ma le voci mentali, oltre ad essere sboccate, non hanno l’autocensura).

L’altra sera avevo una voglia di gelato così intensa che quando non ho trovato la gelateria aperta, vi dirò, ci sono rimasta malissimo. Adesso m’è rimasta sta voglia di gelato a metà, cioè non mi va come l’altra sera però un po’ mi va ancora, quindi se per esempio domani mi capita davanti una gelateria sicuro me lo prenderei però non sarei soddisfatta come lo sarei stata l’altra sera e quindi ci rimarrei male. Sono dei tristi dilemmi, a ben pensarci.

Sarete orgogliosi del manifesto spessore culturale e del profondo e complesso significato di questo post.

Annunci

9 pensieri riguardo “Le voci mentali e altre idiozie: un post di cui si poteva fare a meno

  1. Ecco, ora mi hai fatto venire l’ansia, visto che la prossima settimana ho il primo appuntamento con il tutor per l’inizio della tesi;) Veramente non mi seccano tanto gli adempimenti burocratici, quanto la ricerca bibliografica, che sicuro mi costringerà a pendolare tra Napoli e Roma, grazie alla assurdità per cui la biblioteca nazionale di Napoli non concede prestiti ai non residenti in Campania! Il lato positivo è che la cosa sarà assai più divertente che preparare esami 🙂 Divertiti anche tu con lo Zibaldo, perché, come mi hanno assicurato alcuni amici già laureati, quello della tesi (a prescindere dalla facoltà) dovrebbe essere in fondo il momento più bello – retrospettivamente parlando- dell’università. Anche se al sottoscritto, l’imminenza (si spera) del fine università fa uno strano effetto. E a te?

    1. Divertente non è la parola giusta. Direi che è… interessante. Intrigante dal punto di vista intellettuale. E poi mi piace andare in biblioteca e scartoffiare, anche se me ne lamento. Il brutto è che non me la sto godendo come vorrei per la paura di essere stretta coi tempi – ed è colpa della burocrazia, lo so!! 😀 (o più probabilmente mia, dovrò rimediare).
      Per la fine dell’università…stranamente non mi ci sono ancora soffermata molto. Sarà perché con tutta probabilità continuerò a studiare, sarà perché adesso come adesso non mi dispiace fare progetti per i mesi senza università che avrò. Un pezzo di “fine università”, senza accorgermene, l’ho già affrontato lasciando la grande città e le lezioni. Il resto è quasi… burocrazia 😀

  2. Io ne sono molto soddisfatta. Perché mi ha alleggerita e sollevata.
    Al di là del fatto che mi dai ansia. Proprio oggi sono sbottata “Possibile che dovrei pensare adesso alla tesi con tutto quello che devo fare? Fino a febbraio aivoglia!” E invece pare proprio di no. E io non so quando pensare alla tesi. E uff, voglio lamentarmi anche io. E sì, la burocrazia “so’ soddisfazioni!”
    Dacci dentro con quel piffero di Zibaldone, eh! Ormai sei in dirittura d’arrivo.

  3. Ahahaha sto mettendo l’ansia a tutti 😀 Effetti collaterali del lamentarsi! toccherà anche a te 😀
    Ma quindi anche tu stai cominciando a pensarci? Ma bene bene bene!
    (Ti ho alleggerita e sollevata? In che modo?)

    1. Ma sì, io ci sto pensando con i miei due compari da settembre. Ma causa tempistiche abbiamo dovuto rinunciare al progetto. E ora stiamo ripensando tutto. Se voglio laurearmi a febbraio prossimo (e devo) bisogna che si parta con la produzione da molto prima. In verità sarebbe anche un po’ tardi, ma i tempi sono troppo compressi.
      Mi hai alleggerita perché, non so, ma come ormai succede quando ti leggo, mi è sembrato di averti davanti a raccontare queste cose. Un lunghissimo effluvio senza tirare respiro. Con quel tuo tono di voce intimamente allegro e scanzonato che fa bene al cuore. E poi mi sembrava di vederti correre in giro! 😀

      1. Ah sì sì mi ricordo! Peccato abbiate dovuto abbandonare il primo progetto – ma ho la netta impressione che tirerete fuori qualcosa di figherrimo lo stesso…
        Ma grazie per quello che hai scritto! Che il mio tono di voce nasale faccia bene al cuore non me lo aveva mai detto nessuno 😀 (lasciam perdere il correre in giro, non so quanti chilometri ho percorso, a tratti davvero di corsa! Perché i tempi stretti si abbattono sempre sulle persone che preferiscono fare tutto con calma? 😉 )

  4. Io l’ho trovato un post divertente… Mi ha inevitabilmente scatenato un forte attacco di nostalgia dell’università e di tutto ciò che tale parola che inizia con la “u” può comportare….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...