Aerei

Sapete? Viviamo in un’illusione, in un’enorme bugia. La bugia è che noi siamo padroni del nostro destino. Che abbiamo il pieno controllo delle nostre vite.

Che se ci impegniamo, se seguiamo certe regole, se assumiamo determinati comportamenti, se diamo retta alle persone giuste, se – ognuno ha il suo se, le sue linee guida, i suoi valori, chiamateli come vi pare, le sue vere e proprie ricette da propinare anche agli altri, in alcuni casi – insomma, se facciamo così e così possiamo dire: io sono padrone del mio destino. Io voglio questo e questo e sto lavorando per ottenerlo. Io ho le possibilità, le potenzialità per fare della mia vita quel che voglio. Posso sbagliare, posso cadere, ma l’importante è rialzarsi, è ricominciare, è lottare. Sono io che costruisco la mia vita, io e nessun’altro.

Ebbene, sì. Vero. Sei tu che decidi, tu che fai scelte, che ti poni obiettivi, che lavori, che cambi, eccetera. Sei tu che un giorno decidi di partire, cambiare Paese, sceglierti il posto dove abitare e stravolgere la tua vita per viverla davvero e non solo vivacchiare. Per amare più liberamente, anche.

E magari arrivi a 45 anni che sei realizzato, amato e stai bene perché hai ottenuto quel che volevi. Arrivi a 45 anni che non rimpiangi niente, o ben poco. Che quando torni in Italia è solo per rivedere qualche amico o parente che non vedi da un po’, per raccontare quanto sono lunghi i tramonti lì dove ti sei trasferito, e com’è bello e freddo l’oceano quei giorni in cui chiudi il negozio e parti sulla moto senza progetti. Arrivi a 45 anni e una volta fai le due di notte ad organizzare il viaggio di una ragazza poco più che ventenne che vuole venirti a trovare, lo dice sempre, e allora vi mettete insieme a studiare le offerte dei voli, e le dici dai, fai venire tutti, ho tanto posto.

Poi arrivi a 45 anni. E ti viene diagnosticato un tumore talmente invasivo e feroce che ti cambia inesorabilmente la vita e in un anno esatto ti porta via.

E nell’ultima foto che ti scattano hai i capelli grigi, tu che una volta li avevi nerissimi, e grigi anche gli occhi, anziché azzurri e bellissimi. Però sorridi. Anche se forse lo sai, lo percepisci, che molto tempo non ce n’è, perché a quella ragazza che ti chiede quanto torni rispondi che l’Italia non la vedrai più, se non in foto. Però continui a dirle si, dai, venitemi a trovare.

E invece quella ragazza quell’aereo non l’ha più preso. Non l’ha mai preso. E sarà sempre uno dei più grandi rimpianti della sua vita.

E quindi no, non è vero che noi abbiamo il controllo delle nostre vite. Noi non abbiamo il controllo di un bel niente. Noi abbiamo l’illusione, questo si.

Possiamo usare quel che abbiamo, possiamo fare delle scelte; anzi, dobbiamo farlo. Dobbiamo vivere e quindi continuare a combattere, porci degli obiettivi, prendere delle decisioni. Ma nonostante quello che ci hanno insegnato, nonostante quello che continuano a inculcarci da tutta la vita, noi non siamo onnipotenti. Non ci sono regole che ci garantiscono la felicità, o anche solo la sopravvivenza. Continuiamo a lottare con i fantasmi, perché ci siamo illusi di avere il controllo, di essere gli unici responsabili della nostra vita, e che a tutto ci sia rimedio, per tutto una spiegazione. Poi ci si para davanti quel che non possiamo comprendere né tantomeno accettare e affondiamo, tentando di aggrapparci a quelle che erano certezze, tentando di fuggire da noi stessi per non dover guardare in faccia la realtà.

E quindi no, non siamo padroni del nostro destino. Forse l’unica cosa di cui siamo padroni è proprio questa: scegliere come vogliamo porci di fronte alla vita. Per quanto mi riguarda, vorrei rinunciare alle illusioni e andare all’essenziale. Prendere quel che viene senza tentare di controllarlo, ma avendo come unico imperativo amare e lasciarmi amare più che posso.

E prendere qualche aereo in più.

Ciao Francesco.

http://www.youtube.com/watch?v=X1DRDcGlSsE&fb_source=message

Annunci

8 pensieri riguardo “Aerei

  1. Ora capisco qualcosa che non avevo capito qualche giorno fa, leggendoti su facebook. E allora ho preferito aspettare.
    Prendili sempre gli aerei, Su. Non aspettare che domani sia il giorno adatto. Fallo oggi stesso. Credo che anche questa sia una delle cose da tenere sempre in conto nella vita.
    Francesco l’ha vissuta in ogni secondo di ogni giorno, mi pare di capire. Questo non devi ignorarla.
    Ti abbraccio.

  2. Molto bello e tragicamente vero quello che hai scritto. Non siamo padroni di nulla, nemmeno di un solo nostro capello. Non tutti però riescono a vivere accettando questa realtà e preferiscono continuare scientemente a illudersi, debolezza umanissima e giustificabile. Poi però a taluni, che la vita pone di fronte alla banalità del dolore, accade di scoprire dentro di sé un coraggio che non sospettavano, di cominciare a guardare la vita per quello che è, senza infingimenti, e ad amarla così, per quello che può dare. Mi è capitato di conoscerne diverse di persone di questa tempra, e da loro vorrei non smettere di imparare. Buona giornata.

  3. “E quindi no, non siamo padroni del nostro destino. Forse l’unica cosa di cui siamo padroni è proprio questa: scegliere come vogliamo porci di fronte alla vita. Per quanto mi riguarda, vorrei rinunciare alle illusioni e andare all’essenziale. Prendere quel che viene senza tentare di controllarlo, ma avendo come unico imperativo amare e lasciarmi amare più che posso.

    E prendere qualche aereo in più”

    Ecco quello che vorrei imparare anch’io!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...