Più libri più liberi

Per la serie cose che voglio fare da anni, quest’anno forse riesco ad andare almeno un giorno ad un’iniziativa molto bella che, ho scoperto oggi, esiste da ben dieci anni. Si chiama Più libri più liberi ed è, da quel che ho capito, essenzialmente una fiera del libro, ma nata per dare particolare spazio ai piccoli e medi editori, che possono inserire il proprio stand e farsi pubblicità e vendere i libri lì per lì, magari piazzandoci direttamente gli autori. E non solo. Ogni giorno (dura quattro giorni, di solito intorno all’Immacolata; in questo caso, dal 6 al 9 dicembre – ottimo per i regali di Natale, direi) ci sono diversi incontri di vario tipo, dalle presentazioni di libri alle tavole rotonde sul mondo dell’editoria, passando per incontri finalizzati ad incentivare la lettura e iniziative per bambini e ragazzi.

Il tutto avviene a Roma, per la precisione nel Palazzo dei Congressi dell’EUR, per cui, romani che transitate da queste parti (ma anche non romani che transitano da quelle parti), segnatevi tutto: questo è il sito e questo è il programma, veramente fittissimo.

Per quanto mi riguarda, il giorno migliore è domenica 9, dato che quel giorno ci sono le presentazioni del nuovo libro di Camilleri (che partecipa tutti gli anni, in un modo o nell’altro), di Zerocalcare, di Daniele Vicari (il regista di Diaz) e di Zoro, al secolo Diego Bianchi.

Però anche il 6 e il 7 sono giorni niente male, dato che per gli studenti universitari l’ingresso è aggratisse (in ogni caso, il biglietto intero è di 6 euro, dice il sito; Greenticket dice 7,50 per ragioni che mi sono ignote, ma insomma.)

Detto ciò, dicevo, io punterei fortissimamente a farci un salto. Come al solito capiterà qualche casino che mi scombinerà i piani, ma le intenzioni ci sono tutte e sono serie. Se siete da queste parti e volete immergervi anche voi in un salone pieno di libri, ecco, le informazioni ve le ho date.

Annunci

5 pensieri riguardo “Più libri più liberi

  1. Ricordi che avremmo dovuto andarci insieme l’anno scorso?
    (mi perdonai se non ti ho ancora confermato nulla? solo perché neanch’io so ancora nulla. ah. non dire più che mi dai fastidio o cose simili perché io davvero ci tengo a passare del tempo con te.)

  2. Cosa mi hai fatto tornare in mente! 😀
    (Non ti preoccupare, ti capisco fin troppo bene. E se non sarà questo mese sarà più avanti, ma passeremo del tempo insieme, è una promessa. E grazie, anche, soprattutto.)

  3. Ma poi ci sei andata? Non dirmi che ci sei andata il 7 perché senno muoio. Perché il 7 c’ero anch’io.
    Non sapevo neanche che fossi di Roma, altrimenti ci scappava almeno un caffettino! 🙂

    1. Nooo ma dai! Tutti il 7 ci siete andati?? Persino Roberto Saviano c’era quel giorno 😀
      Io ci sono andata domenica ed è stato bellissimo e incredibilmente stancante, a presto un resoconto.
      Ah, in realtà non sono di Roma ma di Rieti, abbastanza vicino da frequentare l’università e da fare cose come passare un’intera giornata a Più libri più liberi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...