Addio 2012: un post lungo un anno

[Nel senso che impiegherete un anno a leggerlo tutto, se ne avrete il coraggio. Se non ce la farete sappiate che non vi biasimerò, ma ci ho messo due giorni a scriverlo e adesso non lo taglio neanche se mi minacciate. Il mio è un blog prolisso, talvolta, sappiatelo].

30 dicembre 2012. La fine dell’anno si avvicina e l’unico proposito per l’anno nuovo che mi faccio è che alle vacanze natalizie del 2013 non ci provo neanche, a studiare: dormo, leggo e me ne vado a spasso, e basta. Cosa che comunque sto facendo, a parte l’andare a spasso, ché quello me lo sono proibito, un po’ per costringermi a studiare (inutile dire l’inutilità), un po’ per riposarmi, perché i giorni precedenti al Natale sono stati abbastanza caotici – più del solito, intendo. Ho girato come una trottola, e solo in minima parte per i regali dell’ultimo minuto (ché io i regali, da anni, non li faccio quasi a nessuno, e in linea di massima preferisco regalare qualcosa fatto a mano, o simbolico, o veramente utile, che poi sono anche i tipi di regali che preferisco ricevere). Le feste, poi, passate in completa immersione nella ciurma familiare, e i loro lunghi, oziosi pomeriggi di stasi mi hanno stancato paradossalmente di più. All’attività (anzi, all’attivismo, che finisce in -ismo come tutte le cose brutte), mi ci sto quasi abituando, in barba alla mia flemma; alla noia e alle chiassose riunioni familiari no, se combinate alla stanchezza non si reggono. Per cui dopo Natale mi sono dedicata a un (in)sano riposo, più mentale che fisico; solo che inattività tira inattività, pigrizia chiama pigrizia, e insomma io se mi fermo un attimo non mi ripiglio più. Quante volte avrò parlato di questa mia schizofrenia? Se mi muovo non va bene, ma se mi fermo sono perduta. Ormai, alla veneranda età di 23 anni (due mesi quasi esatti ai 24, argh) sto forse, e dico forse, imparando a conoscermi.

E in nome di questa mia rinnovata autocoscienza, chiarisco subito che i buoni propositi per me valgono più o meno quanto foglie secche. Anzi, più meno che più: almeno, quando sono disperse nel vento e io le guardo dalle finestre della mia casetta nella foresta di Sherwood, hanno una loro poesia, le foglie secche (e ci tengo a sottolineare che ho scritto Sherwood senza guardare su Google, e la cosa mi fa dare metaforiche pacche sulle spalle da sola. Pessima.)

Per cui, so già che, nonostante il buon proposito di non tentare nemmeno di studiare alle prossime vacanze, lo farò. Anche perché, come in questo caso, probabilmente starò preparando gli esami di gennaio (ahah! Preparare, quale oscura e indegna abitudine è questa, che presuppone un impegno precedente alla settimana prima dell’esame in questione?).

Perché, ebbene sì, ho ricominciato a studiare. Ci eravamo lasciati che mi ero laureata, e stiamo parlando di marzo di quest’anno, non proprio ieri. Ecco, a proposito di bilanci e altre baggianate: quest’anno mi sono laureata. Non male da dire, pare quasi una roba che vale qualcosa. Coi parenti, comunque, fa sempre effetto.

Ma dicevamo, ho ricominciato. Dopo un periodo più o meno lungo in cui ho meditato se non sarebbe stato meglio cominciare a lavorare in un call-center subito anziché aspettare altri due o più anni, per di più sborsando altro denaro, ho deciso che tutto sommato sarebbe stato meglio invece completare gli studi, se non altro per avere buoni argomenti di conversazione con cui intrattenere le persone in attesa di un operatore più esperto. Poi c’è anche il piccolo dettaglio che il mio relatore mi aveva caldamente consigliato di continuare, e un motivo ce l’avrà anche avuto. Per questi e altri motivi, quindi, mi sono iscritta alla laurea specialistica in Lingua e letteratura. Studi italiani ed europei, che, a dispetto del nome poco comprensibile, non è altro che la naturale prosecuzione della mia triennale in Studi italiani. Insomma, sempre di Lettere moderne si tratta (e per Lettere moderne, lo ripeto, intendo letteratura, non lingue. Non so perché le persone continuino ad essere convinte che io studi lingue. Per quanto, anche sullo studiare letteratura avrei i miei dub… vabbè, lasciamo stare).

Sempre Roma, sempre Sapienza. Eh si, dev’essere sindrome di Stoccolma. Solo che adesso non vivo più nella metropoli, ma faccio avanti e indietro da casa mia, quando posso; quando non posso studio a casa, o almeno questo è il piano. Il non trascurabile dettaglio del non avere una casa in affitto a Roma si tradurrà in un aumento esponenziale di stress da viaggio-in-autobus-Cotral che riverserò immancabilmente su queste pagine, sappiatelo. Da ottobre ad oggi la situazione si è risolta in un paio di giorni alla settimana, per un totale di 8 ore di viaggio, ma non sarà sempre così facile: il secondo semestre si prevede bello incasinato. Ma a questo ci pensiamo a tempo debito.

Eliminati dunque i buoni propositi di fine d’anno, che del resto ho smesso di fare più o meno da quando avevo 13 anni, o che più probabilmente non ho mai fatto (in compenso mi ci sono riempita la testa in altri periodi dell’anno – non che questo abbia significato neanche lontanamente realizzarli), possiamo passare ai bilanci? Ma anche no. Perché farlo? Che c’è da bilanciare? L’anno scorso di questi tempi o giù di lì scrivevo che il 2011 tutto sommato era stato un bell’anno: né completamente positivo, né completamente negativo, il che andava benissimo. Infatti.

Anche il 2012 si può descrivere così, per quanto mi riguarda. Volevo fare tante cose, pensavo che ci fossero delle priorità; poi mi sono trovata a farne altre, a rivalutare un po’ cos’è importante per me. A cambiare punto di vista, o almeno a provarci.

Qualche giorno fa stavo guardando un film in cui uno dei personaggi diceva che quando ci succedono le cose veramente importanti della vita, noi non ce ne rendiamo subito conto. Ce ne accorgiamo solo dopo. Lì per lì questi eventi ci capitano, ci passano sulla testa, e soltanto a distanza di tempo riconosciamo che sono i momenti che ci hanno cambiato la vita.

Io mi sono trovata abbastanza d’accordo, in linea di massima. Ma a volte, magari raramente, ci sono cose che ci succedono, che ci piombano addosso inaspettatamente, a cui siamo impreparati, e può darsi che proprio per il loro essere così strane e inaspettate ci colpiscano forte, così forte che lì per lì magari non pensiamo proprio che ci cambieranno la vita, ma che una bella botta ce l’hanno data, questo sì. Questa era proprio forte, magari pensiamo. E non deve essere necessariamente un grande evento, un trauma, un’esperienza particolare. Magari è solo un incontro, un’immagine, una parola – ci pensate, una parola? Una cosa così piccola e inconsistente.

Ecco, credo che a me quest’anno sia successo. Per cui è da qualche mese che sto cercando di seguire la strada che questa botta mi ha dato, il che spiega anche l’inusuale scarsità di chiacchiere da blog in alcuni mesi. E proprio il blog ho virtualmente sfogliato, in questi giorni, per vedere un po’ dove fosse finito il 2012. E sapete che vi dico? A me vivere un po’ tra le stanze di questi castelli piace. Mi sono quasi commossa a camminarci dentro, a rileggere cose che sembrano lontanissime e risalgono solo a pochi mesi fa. Mi piace ritrovare cose che avevo dimenticato non solo di aver scritto, ma anche di aver pensato, ed è come se le scoprissi per la prima volta, come se le avesse scritte un’altra persona. Apperò, ho pensato, a qualcuno serve ‘sto blog. A me.

Per questo volevo anche dire che quest’anno ho pure ricevuto un’onorificenza ampiamente immeritata. Trattasi della spilletta di Blog Affidabile che mi ha appuntato la proprietaria di una certa Moleskine ormai mesi fa – e converrete con me sull’ironia della cosa: dare al mio blog dell’affidabile poteva venire in mente solo a quel gran cuore di Dorotea. Infatti, tanto per rimarcare la cosa, non solo non ne ho fatto menzione ma non ho neanche seguito la prassi richiesta per meritarsi fino in fondo il premio, e cioè dedicare alla faccenda un post e nominare a mia volta altri affidabili. Però sono stata coerente e la spilla non me la sono ancora appuntata. Non l’ho fatto, in realtà, proprio perché non potevo rispettare fino in fondo le semplici regole previste: in quel momento latitavo, e quando ho avuto tempo e testa per tornare a scribacchiare mi sono accorta che diversi blog a cui avrei voluto appuntare la spilla avevano chiuso, purtroppo, i battenti, o latitavano molto ma molto più di me, o erano gli stessi che avevano nominato me (cioè, lo stesso; e avevo i miei dubbi che si potesse restituire l’onorificenza al mittente) o che avevano già la spilla e non avrebbe avuto senso conferirgliela nuovamente, se l’obiettivo è far conoscere nuovi blog. Il punto era che io, di nuovi blog, non ne conoscevo; e per la prima volta da tempo ne leggevo (e ne leggo) pochi, pochissimi, per vari motivi. Ergo, mi appunterò la spilletta solo quando finalmente avrò anch’io la mia vera lista di affidabili; il che potrebbe anche non valere niente, come proposito (per l’appunto), dato che a quel che ho capito è un’iniziativa che si ripete ogni anno e quella del 2012 ormai è andata. Ma a Dorotea almeno il buon proposito lo devo. Se non altro perché mi ha fatto riflettere sull’utilità di uno strumento, il blog (che quest’anno ha compiuto cinque anni, per giunta) che sì, per quanto mi riguarda serve prima di tutto alla sua autrice, alla sua necessità di specchiarsi in sé stessa e negli altri; ma a quanto pare un po’ anche agli altri serve, e del resto il bello di scrivere è anche e soprattutto farsi leggere.

Ciononostante, ho lasciato un po’ di cose in sospeso nel blog – sempre parlando di affidabilità. Però prometto solennemente – altro buon proposito – di chiudere tutti gli argomenti aperti al più presto.

Insomma, non dovevo fare buoni propositi e li ho fatti; non dovevo fare bilanci, e anche quelli, invece, ci sono. Perché, tutto sommato, quest’anno ho l’impressione di aver iniziato ad imparare molte cose. Solo iniziato. Per impararle davvero ci vorrà un po’, ma iniziare è già qualcosa. Ho fatto e visto tante cose. Ho scalato montagne metaforiche, e ne ho scalato pure una vera, di 2000 metri, che per me è una cosa da andarci fierissima. Ho incontrato persone, cercando di incontrarle davvero e non solo in superficie. Ho iniziato a lasciar andare altre cose, a perderle, se mi impediscono di essere felice; a svuotarmi. Ho collezionato definizioni e decisioni, e anche soddisfazioni. Ho preso quello che sono e l’ho spinto avanti, a volte vincendo la paura, o forse l’insicurezza, e sono stata a vivere l’effetto che fa. E vivremo l’anno prossimo che effetto continuerà a fare.

Invece adesso, in questo preciso momento, non mi resta che preparare la borsa per un paio di giorni che passerò fuori casa da amica MF, che ha deciso di scuotermi dal torpore e di portarmi a vedere i fuochi d’artificio romani la notte di Capodanno. Brava ragazza. Io avevo quasi la tentazione di passarla sul divano davanti al caminetto, circondata di cioccolata e di poche, scelte persone note per la loro tranquillità (ma chi?), nel completo silenzio, fatta eccezione per le voci dei protagonisti di Harry ti presento Sally mandato a ripetizione. Ah, che pace. Ah, che misantropia. Guardalì le reazioni alla vita, alle volte.

Buon 2013.

Annunci

6 pensieri riguardo “Addio 2012: un post lungo un anno

  1. Ci ho messo due giorni a leggere questo post, ma accomi qui. Sono sul mio divano che lavoro – o almeno ci provo -. Niente feste, niente fuochi. Così va quest’anno, o almeno così ho scelto. Poi però ho letto dei tuoi fuochi romani e per un attimo mi sono laciata trasportare dall’immaginazione. Chissà come sono i fuochi romani.
    Buon 2013!
    Aspetto il giorno in cui ci vedremo di nuovo. In questo ho grande fiducia.

    1. Me lo chiedo anch’io, come sono, perché alla fine non li ho visti. Ma è un dettaglio.
      Il giorno in cui ci vedremo di nuovo, ne sono sicura, non sarà tanto in là. Di sicuro entro questo 2013, sei d’accordo?
      (Grande ammirazione e gratitudine per aver letto tutto)

        1. È stato un capodanno molto semplice, senza ansie intorno, e per questo mi è piaciuto. Spero di conservare quello stato d’animo anche per tutto il resto dell’anno.

  2. Due volte alla settimana per un totale di otto ore!!! Te credo che durante le vacanze te voi riposà e nun tieni voglia de studià…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...