Riflessioni deprimenti en passant

Questa è una di quelle sere in cui pensi che, se riusciamo a malapena ad uscire dall’infanzia, figuriamoci dall’adolescenza.

Questa è una di quelle sere in cui qualsiasi cosa (una foto, tanto per fare un esempio) ti abbatte senza un motivo plausibile.

Una di quelle sere in cui parti con riflessioni sui massimi sistemi e poi ti accorgi che, in realtà, sono pateticamente egoistiche.

Una di quelle sere in cui scrollarsi di dosso la sensazione di essere angosciosamente soli diventa quasi impossibile, e ti spaventi.

Quelle sere in cui pensieri, ricordi e allucinazioni si arrampicano in posti dove non dovrebbero essere, che proprio in quel momento non te li aspetti.

Quelle sere in cui ti chiedi cos’hai di sbagliato, e subito dopo pensi che sia una domanda da sfigati totali.

Questa è una di quelle sere in cui bisognerebbe avere qualcuno che ti prenda delicatamente per mano e ti ricordi come si scacciano i fantasmi. O almeno ci vorrebbe una coperta e un bel film alla televisione.

Invece hai un antidolorifico e una serata a lavorare in cucina.

(Una risata mi seppellirà)

Annunci

2 pensieri riguardo “Riflessioni deprimenti en passant

  1. Una serata come possono essercene.
    Una serata un po’ così, ma che ha il diritto di esistere.
    Purtroppo. Ma un po’ per fortuna. Perchè ci mette in cammino, ci spinge a ceracare e si spera a trovare.

    (è così che anch’io mi ritrovo in te)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...