Gli esami non finiscono mai.


È  proprio il caso di dirlo. Vado avanti, ogni giorno, su e giù a seguire lezioni e a volte mi attraversa il pensiero che forse non c’ho capito niente. Che sto perdendo tempo e che di qui a qualche anno starò esattamente come oggi, anzi peggio. Ma è una sensazione che non fa paura, nè mi shocka o mi frena o mi fiacca o qualsiasi altra cosa. Io a lezione ci vado lo stesso, prendo appunti, non studio perchè mi trovo da fare perchè di studiare non ho voglia, ma insomma non è che mi blocca, questo pensiero. Però c’è, è un dato di fatto. Solo che non ne sono ancora profondamente convinta, diciamo che la speranza è l’ultima a morire. E allora gli esami continuano. Vado su e giù, scrivo orari, cerco libri, qualche volta perdo un po’ di forze, cambio idea, quasi quasi sto corso non lo seguo più, forse dovrei parlare col prof eccetera. Ma soprattutto sono sempre più sopraffatta dalla consapevolezza che mai, mai riuscirò a fare tutti quegli esami in un tempo che dall’esterno si potrebbe definire ragionevole. Che se tutto va bene mi laureo in quattro anni e non in tre, che mi posso sforzare quanto voglio, ma costringerò i miei a pagare affitto e tasse almeno un anno in più del previsto. E questo a me non sta bene, perchè non è colpa mia, però non posso fare a meno di sentirmi in colpa lo stesso, perchè penso sempre che potrei fare di più, sempre di più, che non mi impegno abbastanza. E nello sforzo ho l’impressione di perdermi tante cose, perchè sono concentrata su ciò che devo fare e spesso non faccio qualcos’altro che mi piace fare, perchè ho paura che mi faccia perdere tempo, ma questo non mi permetterà ugualmente di essere all’altezza delle mie stesse aspettative. La verità è che io dall’università mi aspettavo qualcosa di diverso, e invece sto cominciando ad essere delusa. Sostengo esami che so già in partenza saranno inutili, da tutti i punti di vista, e servono solo a raggiungere i crediti richiesti. Cioè perdo ore, tempo, energie, soldi in qualcosa che non mi piace e non mi serve. Non mi arricchisce, non mi appassiona, al massimo mi esaspera. E anche quegli esami che mi dovrebbero interessare, in realtà non lo fanno, perchè sono stata costretta a sceglierli nonostante non mi attirassero, perchè le lezioni sono pesanti e malfatte, perchè ti preoccupi della quantità di roba da studiare anzichè di scoprire qualcosa di nuovo. L’anno scorso, entrando nell’atrio di lettere, aspiravo l’odore di quel posto e mi sentivo felice, libera di fare quel che ritenevo fosse più adatto a me, in un certo senso sicura che quel che stava venendo era una cosa da vivere, da provare: una cosa buona e giusta. Ora entro nell’atrio e quell’odore mi dà un po’ fastidio. Non mi sa di libertà nè di giusto, ma un po’ di apprensione, di fatica spesso inutile, certe volte dà anche una leggerissima nausea. Ho l’impressione che da qui a un anno quell’odore mi avrà saturato al punto di odiarlo, di considerarlo nè giusto nè libero, ma sbagliato e opprimente, di cui liberarsi il prima possibile.

Ma magari sto esagerando col pessimismo. Perchè in fondo basta ricordarmi cosa è davvero importante.

Che poi io, in realtà, cos’è che voglio fare della mia vita? Questo mi chiedo. Una volta pensavo di avere una risposta, messa lì appesa tipo arazzo, un tessuto colorato e morbido dove ogni filo era al suo posto e creava un intreccio bello e consolatorio. Adesso mi giro e vedo che è sbiadito, sfilacciato, con i fili proprio consumati e staccati, e soprattutto mi chiedo come io abbia mai potuto pensare di essere capace a tesserlo. Io che non so neanche rimettere un bottone.

Si, è una metafora.

Ho sempre pensato che la parola metafora abbia una strana assonanza con la parola meteora.

Annunci

Un pensiero riguardo “Gli esami non finiscono mai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...